martedì 5 marzo 2024
  • Bandiera Italiana
  • English flag

Fabrizia Laroma Jezzi, SUL SENTIERO DELL'AQUILA GAIA

Poesie d'amore per l'Appennino

Fabrizia Laroma Jezzi, SUL SENTIERO DELL'AQUILA GAIA
quantità: Prezzo: 15 € (iva inclusa)
Questa raccolta di poesie dà voce a tutti coloro che non hanno diritto di parola 
ma hanno gli stessi diritti degli umani: i crinali appenninici del Mugello, i boschi, 
gli animali e in primis, l’aquila Gaia, ormai simbolo locale, con il suo volo libero. 
Per chi possiede anche un minimo di coscienza ecologica la domanda sorge 
subito spontanea: come è stato possibile che i politici toscani e romagnoli abbiano 
deciso di prevedere in quei luoghi un progetto finalizzato alla produzione 
di energia elettrica e alla cosiddetta “transizione ecologica”, legato
alla costruzione di 7 pale eoliche alte ben 170 m, strade di servizio e infrastrutture 
varie che insieme a estesi disboscamenti violenteranno per sempre i crinali 
del Mugello, peraltro corridoi ecologici importanti per la salvaguardia del vicino
Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi? (dalla Presentazione di S. Panzarasa)

«La posizione di chi scrive poesie non è più, dati i tempi, quella del romanticismo, 
ma lo è ancora; in questa sua folia poetica la profetessa esprime oggi non un sé 
ma un noi, che va al di là dell’umano e dà voce a una comunanza condivisa, 
base per tutti i viventi. Cos’è altrimenti la vita se non questo, respirare e sentire, 
ciascuno a modo suo, in questo mondo? E la camminata induce, tra respirazione 
e moto di gambe, a uno stato di coscienza altro, più alto e vivo, che attira 
naturalmente verso la montagna selvatica, che induce un’estasi silenziosa ma ricca 
di parole, a volte in solitaria, altre volte in compagnia, come sanno benissimo 
i camminatori; così le baccanti di Euripide scappavano dai vincoli asfissianti 
della società umana, per onorare con culti misterici Dioniso, dio della natura 
in tutta la sua forza. Il bosco, il crinale, è dunque anche luogo d’esperienza estatica, 
iniziatica, un altrove bello ed elevato, mistico (dal greco mystés, che era appunto
l’‘iniziato ai misteri’), e non l’ennesimo sito per impianti industriali, cimiteri 
meccanizzati e inquinanti.» (dalla Nota dell’editore)

Visualizzazioni: 695
© Edizioni Montaonda
P.IVA: 06139310483
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +